H2H

La casa di carta di Netflix conquista Piazza Affari a Milano

Lo scorso 18 luglio è andata in scena l’anteprima esclusiva dei primi episodi della terza stagione: la serie spagnola di Netflix si conferma un grande successo di pubblico e critica.

“Il 18 luglio la banda suonerà l’adunata, rispondete per assistere in anteprima assoluta a La casa di carta: Terza Parte. Più diretta di una telefonata del Professore. Più rumorosa di una risata di Denver. Più sobria dei completi di Nairobi. La chiamata è fissata per le 21.30 in Piazza Affari con la proiezione delle prime due puntate della nuova stagione”.

Ecco cosa recitava l’invito su Facebook rivolto da Netflix a tutti i fan della fortunata serie “La casa di carta”, rievocandone personaggi e dinamiche tipiche. L’iconica location nel centro di Milano è stata infatti selezionata (insieme a Madrid e Tel Aviv) per ospitare l’anteprima mondiale della terza stagione, anticipando di qualche ora la diffusione delle prime puntate su Netflix (19 luglio).

La scelta è ricaduta su Piazza Affari anche per la somiglianza degli edifici presenti con la Zecca di Stato spagnola, dove avviene l’ormai celebre rapina al centro della trama. Il luogo della proiezione è stato quindi addobbato con installazioni dedicate alla serie, come la ricostruzione simbolica di un rapinatore in tuta rossa con la maschera di Dalì (proprio accanto al “dito” di Maurizio Cattelan.

La portata dell’evento è suggerita perfino dai numeri registrati online nei giorni precedenti: ben 4 mila utenti hanno segnalato su Facebook la propria intenzione a partecipare, mentre altri 13 mila si sono dichiarati interessati. Tutto questo clamore sottolinea, sempre che fosse necessario, come “La casa di carta” abbia conquistato una larga fetta degli spettatori italiani.

Sorprende però la facilità con cui Netflix ha creato una vincente esperienza di fruizione mediale anche al di fuori della sua “comfort zone”, ossia la dimensione online. Il brand ha dato vita a una moderna versione di “cinema all’aperto” offrendo i suoi stessi contenuti: togliere l’accento dalla fruizione casalinga ha permesso l’identificazione (parziale o meno) di una community basata sull’interesse per una serie tv. Tutto ciò, proponendo un’anteprima globale totalmente gratuita.

Non c’è assoluta certezza, ma Netflix potrebbe aver appena dato una connotazione precisa a un nuovo format di entertainment: un’idea che, al momento, sembra esser nata sotto un’ottima stella. Staremo a vedere (non si sa se in piazza o sul pc)…

a cura della redazione di redwave_mag

Post A Comment