H2H

Agency

  • H2H lancia Prontolo, la prima app dedicata ai pendolari

    L’operazione guidata dall’agenzia fondata e diretta dal Ceo Paolo Romiti
    avrà come obiettivi chiave brand awareness, engagement e conversion

    Ha preso il via il mese scorso il progetto di comunicazione strategica web e social guidato da H2H per l’app Prontolo, la piattaforma ecommerce che consente agli utenti di ricevere in poche ore i prodotti di cui hanno bisogno, a casa o ritirandoli presso uno degli store nelle stazioni di Milano Cadorna, Affori e Busto Arsizio. Il servizio si rivolge, in particolare, ai pendolari che frequentano la città di Milano e a chiunque non abbia il tempo di acquistare fisicamente prodotti di vario genere.

    La strategia pensata da H2H si basa sull’idea di “uscire fuori dal coro”, costruendo l’identità del brand e veicolandola in maniera univoca attraverso i diversi touchpoint coinvolti. La campagna di lancio Always On è volta a rimarcare il servizio offerto da Prontolo attraverso una serie di strategie comunicative pensate per il target di potenziali utenti dell’app. La comunicazione si è concentrata sulla presentazione del servizio e dei suoi vantaggi, sul suo funzionamento e sui prodotti (oltre 8.000) presenti a catalogo.

    Si passa, poi, a illustrare lo stile di vita del target, di cui vengono mostrati personalità, aneddoti e caratteristiche. Segue, infine, un racconto presentato attraverso giochi e svaghi a tema Prontolo, incentrato sulla classica situazione del viaggio in treno.

    STRATEGIE MIRATE

    In ambito digitale, H2H ha ideato strategie mirate sulle piattaforme social, oltre ad aver realizzato un sito web dedicato alla campagna di lancio, che sarà l’atterraggio e il punto di riferimento per tutti i contenuti di comunicazione previsti nel piano. All’interno del sito gli utenti potranno ritrovare, in chiave di storytelling, le informazioni specifiche riguardanti il servizio e i vantaggi di Prontolo. Il sito verrà presto arricchito di contenuti finalizzati a creare maggiore identità e a stimolare nel target la percezione di Prontolo come un vero e proprio punto di riferimento in tutte le situazioni in cui si ha poco tempo: dalle ricette semplici e veloci ai consigli sull’attività fisica homemade, fino al time management. Questi contenuti alimenteranno il piano di comunicazione social, affiancato da un’attività di micro-influencer per il consolidamento della brand reputation.

    IL COMMENTO DI PAOLO ROMITI

    “Siamo orgogliosi di avere le redini di un progetto di questa entità. La nostra ambizione è per certi versi analoga a quella dell’app Prontolo; le intenzioni sono chiare, c’è un ottimo quantitativo di potenziale per poter andare ad amplificare la portata di questa app, partita da un’idea semplice e funzionale, due caratteristiche essenziali nella costruzione di qualsiasi progetto”, commenta Paolo Romiti, presidente e Ceo H2H. “Il nostro stile di vita è fortemente frenetico, soprattutto in una metropoli come Milano. Prontolo nasce proprio nell’ottica di agevolare le persone nel quotidiano, risolvendo, con un’azione semplice, immediata e mirata ciò che spesso diventa una mission impossible. Il tempo risparmiato può essere dedicato alla famiglia, al lavoro o ai propri hobbies. Prontolo è la soluzione per tutti e, in particolar modo, per i pendolari che trovano i corner point negli snodi strategici della città di Milano. Sempre in ottica di grande innovazione, siamo il primo ecommerce ad aver previsto il pagamento con ticket elettronici e, tramite l’attivazione dei pagamenti a mezzo sdd, i clienti hanno la possibilità di avere un’apertura di credito spendibile in acquisti Prontolo e che prevede l’addebito in conto una volta al mese” aggiunge Massimo Rosolen, Founder di Prontolo e Presidente di AxL SpA – Agenzia per il Lavoro.

  • Top Brands GDO: Coop sul podio YouTube grazie a La Felicità Non è Una Truffa

    Coop al secondo posto per miglior engagement su YouTube
    con le CoopTime Stories 2018, prodotte da H2H

    Grazie alla Suite integrata di social intelligence, Blogmeter ha recentemente monitorato e analizzato le performance delle principali properties social di 32 insegne GDO sul mercato Italiano.

    2,6 milioni. Questo il numero di utenti coinvolti da Coop nel trimestre ottobre-dicembre 2018 grazie a La Felicità Non è Una Truffa, corto a episodi prodotto da H2H e che gli vale il secondo posto nella classifica delle insegne GDO più coinvolgenti su YouTube.

    Segue al terzo posto, Conad. Al primo posto, troviamo invece Carrefour che si aggiudica anche la medaglia per most viewed content.

    “La Felicità Non è Una Truffa” è il format curato da H2H per raccontare i valori di Coop sui social media e sul web nel 2018: un film in 3 episodi che vede la firma di Paolo Genovese e la colonna sonora de Lo Stato Sociale.

    Scopri il nostro progetto: https://www.e-coop.it/web/guest/cooptime-stories-2018

  • H2H ALLA MILANO DIGITAL WEEK CON UN HACKATHON SULLA SMART MOBILITY IN COLLABORAZIONE CON MASTER PUBLITALIA E SHARE NOW

    Iscrizioni aperte fino al 15 marzo allo Sharing Mobility Hack organizzato in collaborazione con Master Publitalia e SHARE NOW 

    Milano – 4 marzo 2019

    Anche quest’anno H2H ha risposto alla call della Milano Digital Week  lanciando un hackathon in collaborazione con Master Publitalia e SHARE NOW, la nuova società di car sharing che ha recentemente unito Car2go e DriveNow sotto lo stesso tetto, per concorrere allo sviluppo di un modello di città sempre più smart e sostenibile.

    Obiettivo dell’hackathon è individuare proposte concrete ed innovative per implementare servizi e funzioni ancora più efficienti collegati al car sharing grazie alle nuove tecnologie (realtà aumentata, veicoli autonomi, comunicazione vehicle2vehicle, interazione client2vehicle, mobile solutions), incentivandone così  l’utilizzo in favore di una mobilità sempre più connessa e sostenibile.

    Il via allo Sharing Mobility Hack verrà dato sabato 16 marzo alla presenza dell’Assessore alla Mobilità e Ambiente del Comune di Milano, Marco Granelli.

    I gruppi presenteranno il proprio progetto a una giuria di esperti del mondo della comunicazione, giornalistico e aziendale, che saranno chiamati a giudicare le idee proposte su criteri di fattibilità, creatività  e funzionalità.

    L’hackathon è aperto a laureati e laureandi in  qualsiasi disciplina purché di età inferiore ai 26 anni.

    È possibile iscriversi gratuitamente allo Sharing Mobility Hack al link www.h2h.net/sharingmobility-hack/ fino alle ore 18 di venerdì 15 marzo 2019. L’hackathon si terrà dalle ore 9.30 di sabato 16 marzo alle ore 18.30 presso Talent Garden Calabiana.

    Per maggiori informazioni:

    External Communication & Media Relations

    Monica Magnoni

    +39 388 7827769

    email: monica.magnoni@h2h.net

    Oppure registrandosi direttamente a questo link:

    https://www.h2h.net/sharingmobility-hack/ 

  • “La felicità non è una truffa” H2H produce le “Cooptime stories 2018”, un film in tre episodi firmato dal regista Paolo Genovese con colonna sonora de Lo Stato Sociale

    Coop Italia ha nuovamente affidato ad H2H la realizzazione di una serie di tre corti per raccontare tre valori cardine di Coop.
    La nuova campagna pianificata su La7 e distribuita sul web

     

    Milano – 22 novembre 2018

    Il 22 novembre a Milano il Teatro dell’Arte della Triennale ha ospitato “La felicità non è una truffa”, un film in tre episodi progettati e prodotti da H2H e realizzati da Pupilla Film. Il film è diretto da Paolo Genovese con la colonna sonora de Lo Stato Sociale. L’Anteprima del film ha luogo nella cornice dell’esposizione “Coop_70. Valori in scatola” in programma alla Triennale dal 16 novembre fino al 13 gennaio 2019.

    La felicità non è una truffa è il titolo che interpreta, nel 2018, il format CoopTime Stories nato nel 2017 per raccontare i valori di Coop sui social media e sul web.

    In questa nuova edizione l’agenzia milanese H2H, che anche per il 2018 ha curato le Cooptime Stories, ha progettato con Coop una nuova formula: non più autori e registi emergenti, ma un’unica firma autoriale come quella di Paolo Genovese. La colonna sonora è stata affidata allo Stato Sociale, che per l’occasione ha riarrangiato un brano storico – La felicità non è una truffa – poi diventato anche il titolo del film a episodi.

    Lo Stato Sociale ha spiegato in questi termini il senso del proprio contributo: “‘La felicità non è una truffa’ racconta di come sia importante, nei momenti di tristezza e di nostalgia, ricordare il valore dei momenti felici; è un messaggio cui siamo molto legati ed è bello che dia un titolo a questo lavoro. Ringraziamo Coop per averci dato questa bella possibilità”.

    Nel film, diviso in tre capitoli dedicati ad altrettanti valori – Trasparenza, Sostenibilità e Fiducia – Matteo Branciamore, Luca Angeletti e l’esordiente Chiara Vinci sono i protagonisti di una storia romantica sospesa tra realtà e magia, dove l’incontro tra Marco e Anna diventa l’occasione per ripensare alla fiducia come cardine irrinunciabile di ogni relazione (Video backstage: https://we.tl/t-pcyB9P6SU6).

    “Cosa conta per essere felici? La Sostenibilità e la Trasparenza si fanno storia e rigenerano un senso di fiducia nei protagonisti” – spiega Emanuela De Marchi, Responsabile Area Strategy di H2H – “Rigenerare Fiducia, questo è quanto conta oggi. E’ proprio la sfiducia che si espande a ogni livello. Eppure la cerchiamo continuamente. Questa è una bella storia per ritrovare fiducia nella trasparenza, nella sostenibilità per il Pianeta, nell’affidarsi a qualcuno. Bisogna fidarsi per esistere. Mi fido. Mi affido. La fiducia è relazione”.

    “Oggi le storie sono per pubblici profilati, coinvolti, raggiunti in mobilità” – continua Emanuela De Marchi – “In gioco c’è una relazione differente che si sviluppa nel tempo. D’altronde le aziende stanno diventando media company e confezionano contenuti editoriali di informazione e intrattenimento.

    È un cambio di baricentro. Siamo di fronte a una ibridazione di formati che integra online e offline, e lo storydoing è fondamentale per il business, ma occorre un uso sistemico”.

    Alessandro Serra, Responsabile Comunicazione Coop Italia, ha infine aggiunto: “Oggi quando una persona compra un prodotto e sceglie un marchio non partecipa solo al processo di acquisto ma vive un’esperienza di senso molto più completa e coinvolgente. Il contatto avviene non più solo sul prodotto, ma anche sui valori perché la promessa del Brand è più articolata, investe ambiti etici e stili di vita, tradizione culturale e necessità economiche.

    Ecco perché un racconto come “La felicità non è una truffa”, grazie alla capacità artistica di un regista come Paolo Genovese, ci parla di Coop attraverso l’emozione e quei valori così importanti per noi che sono alla base di tutte le nostre azioni e dei prodotti che facciamo.

    Questo ci interessava: cercare di stabilire un contatto diretto, più empatico, con le persone, che poi sono anche i nostri clienti, che fanno la spesa tutti i giorni e tutti i giorni ci chiedono di rispettare la nostra promessa di trasparenza, di sostenibilità, di sicurezza, di qualità. E ogni giorno ci danno fiducia”.

    La serata è stata presentata da Gino Castaldo, giornalista di La Repubblica esperto di cinema e musica, e Steve Della Casa, voce di Hollywood Party a Rai Radio 3 e ha visto la partecipazione del regista Paolo Genovese e de Lo Stato Sociale, che si è esibito in un concerto al termine della presentazione del progetto.

    Dal 27 novembre gli episodi saranno in onda su La7 nell’ambito della trasmissione “di Martedì” di Giovanni Floris e saranno distribuiti sul web e sui profili social di Coop.

    Credits:

    REGIA
    Paolo Genovese

    CAST
    Matteo Branciamore
    Chiara Vinci
    Luca Angeletti

    FOTOGRAFIA
    Arnaldo Catinari

    MUSICA
    Lo Stato Sociale

    DURATA
    3 episodi di 4 minuti

    PROGETTO E PRODUZIONE
    AGENZIA H2H

    REALIZZAZIONE
    PUPILLA FILM

    DISTRIBUZIONE MEDIA
    PHDMEDIA ITALY

  • H2H a IAB Forum per parlare di ecologia e ambiente

    Si è concluso in questi giorni a Milano IAB Forum, il più importante evento italiano del comparto digitale. Sono stati molti gli argomenti trattati e i workshop proposti sui temi più attuali come il Programmatic, Video, Mobile e Native.

    Anche H2H ha partecipato con un workshop dal titolo “Il racconto di Eco_Logica per Coop”. Sono intervenuti Alessandro Serra, Responsabile Comunicazione di Coop Italia, che ha illustrato l’impegno di Coop a favore dell’ambiente, e Luca Mercalli, climatologo e divulgatore scientifico, che con la sua rubrica video diffusa sui canali social di Coop, avvicina a temi scientifici complessi un vasto pubblico di consumatori e utenti.

    A rappresentare H2H che ha curato il progetto, Paolo Romiti, Presidente e CEO dell’agenzia, che ha messo in luce l’importanza non solo delle esigenze di mercato ma anche delle persone.

    Ecco un breve estratto del nostro workshop.

  • H2H a IAB Forum con un workshop dedicato ad ambiente e edu green

    Comunicare, informare, condividere valori. Paolo Romiti, Presidente H2H, e Coop in un incontro su ecologia e scelte di consumo consapevoli

     

    Milano – 29 ottobre 2018

    Il prossimo 13 novembre H2H sarà presente a IAB Forum, il più importante evento italiano del comparto digitale, con un workshop dal titolo Il racconto di eco_logica per Coop.

    Durante l’incontro Paolo Romiti, Presidente e Ceo H2H, Luca Mercalli, climatologo e divulgatore scientifico e Alessandro Serra, Responsabile Comunicazione di Coop Italia, dialogheranno su comunicazione, ambiente e edu green, mettendo in luce il ruolo del branded content valoriale nel trasmettere i valori del brand.

    Argomenti, questi, che saranno variamente declinati nell’edizione 2018 di IAB Forum, dal tema I AM EVERYWHERE – Challenges of Mobile Society, imperniata su un digitale che mette al centro la persona e non l’utente, che crea un mercato equo e trasparente, e che aspira a una maggiore qualità.

    Nell’area espositiva del MiCo di Milano, oltre 30 esperti del settore, opinion maker e rappresentanti istituzionali prenderanno la parola per illustrare i nuovi trend del settore e offrire spunti di riflessione sull’impatto economico e culturale della trasformazione digitale.

    Per maggiori informazioni e per registrarsi al workshop:

    External Communication & Media Relations

    Monica Magnoni

    1. +39 388 7827769

    email: monica.magnoni@h2h.net

    Oppure registrandosi direttamente a questo link:

    h2h.net/IAB

  • “Direct Mail e Comunicazione 4.0”: l’intervento del nostro CEO Paolo Romiti

    Come si può integrare il Direct Mail in un mondo dominato da una comunicazione sempre più digital?

    Nei prossimi anni, decenni, forse secoli, il digital predominerà nel settore della comunicazione.
    Siamo davvero pronti a correre questo rischio?
    Chi lavora nel mondo della comunicazione, che sia un copywriter o un grafico, che si occupi di strategy o management, è conscio del fatto che l’esperienza multicanale, è una priorità imprescindibile.
    Tanto è vero che online e offline non sono incompatibili tra loro, ma sono elementi che vivono in un unico ecosistema.
    Riportando le parole di Bud Caddell, fondatore di NOBL Collective: “Non esiste la strategia digitale, ma la strategia in un mondo digitale”.
    Ecco dunque che le declinazioni offline possono essere performanti all’interno di una campagna advertising.
    In particolar modo il Direct Mail può coesistere in una comunicazione 4.0 basata sul dialogo tra brand e consumatore.
    Secondo i dati più recenti, il Direct Mail si colloca sul podio dei canali più performanti nella comunicazione pubblicitaria: il 10% del totale degli utenti che aderisce a un’offerta, fornisce i propri dati per una profilazione più accurata o in molti casi si reca presso un punto vendita. Un risultato superiore rispetto all’advertising televisivo e del Web.
    A cosa è legata l’efficacia del Direct Mail?
    Sicuramente alle sue skill:

    Highly Targeted: L’accesso alle mailing list dei potenziali clienti tramite i vari distributori ad hoc, permette alle società di raggiungere un target di audience adeguata e mettere in campo un’attività di individualizing one-to-one.
    Higly Measurable: Il Direct Mail Marketing permette di capire facilmente l’efficacia e i tassi di conversione di una campagna, senza adottare complicati software o metodologie di analytics.
    Cost Effective: Rispetto a una comunicazione online, il Direct Marketing ha costi minori e un ritorno dell’investimento superiore del 30%.
    Higly Flexible: La pluralità di materiali (brochure, postcard, flyer, magazine) del Direct Mail è vantaggiosa per comunicare più di un singolo messaggio sul medesimo supporto e raggiungere obiettivi diversi come awareness e commerce.
    Tangible: I materiali stampati, grazie alla loro dimensione tattile, acquistano agli occhi del cliente maggior attendibilità rispetto a una comunicazione meramente visiva come quella televisiva.

    In conclusione, sebbene il Direct Mail sia considerato da molti una forma di comunicazione classica o “fuori moda”, la sua presenza a lungo termine non è in dubbio.
    È dunque fondamentale per le aziende rigiocare le virtù già citate di quest’ultimo, in un palleggio virtuoso che sia in grado di portare il consumatore dalla carta al digitale e viceversa.

  • H2H e NUK insieme per la couvette porta-succhietti di Leone Lucia Ferragni

    H2H e NUK hanno creato un regalo personalizzato per dare il benvenuto in Italia a Leone, figlio della celebre fashion blogger Chiara Ferragni e il rapper Fedez.
    Nuk ha realizzato succhietti e catenelle customizzati per Leone. Tutto rigorosamente Made in Germany, secondo gli elevati standard qualitativi di un brand di puericultura leggera con più di sessant’anni di storia.
    La grafica riprende il lettering del famosissimo font del blog “The Blond Salad” di Chiara Ferragni e il colorato font del logo di Fedez.
    Nuk ha scelto come partner H2H, che si è occupata della creatività della couvette creando un gioco scherzoso tra il succhietto della mamma e il succhietto del papà, simulando il celebre sondaggio di Instagram (Quale succhietto preferisci? Quello di Mamma o quello di Papà?).
    Il nuovo regalo per il piccolo Leone è stato apprezzato nelle storie e nei post di Instagram dei neo genitori.