H2H

H2H

H2H has created 90 entries
  • H2H firma il packaging di That’s Love, il nuovo brand di puericultura di Prénatal

    H2H ha realizzato il packaging della nuova linea di puericultura That’s Love, lanciata da Prénatal e ideata da Hi! Comunicazione.
    La neonata collection porta innovazione concettuale,
    freschezza e originalità nel mondo del nursing.

     

    Nell’ambito della collaborazione con Prénatal, H2H ha ideato il packaging per la nuova linea That’s Love. Creati per sapersi distinguere nel competitivo mercato della piccola puericultura, i prodotti That’s Love (per bambini 0-3 anni) sono proposti in una veste leggera, fresca e ricca di originalità. La nuova collection si rivolge infatti a un target di madri moderne, amanti della novità, sperimentatrici e trend setter.

    A tale posizionamento contribuiscono il naming stesso (intuitivo, contemporaneo e internazionale), la raffinata gamma di colori e l’eterogenea offerta di prodotti che caratterizza il brand That’s Love: dagli accessori per l’allattamento artificiale ai succhietti, dalle stoviglie ai thermos, fino al necessario per l’igiene e la cura del bambino.

    Il packaging definito da H2H connota ulteriormente ed esalta i core values della linea That’s Love. Ispirandosi al logo del brand in bianco e nero, le confezioni racchiudono caratteristiche tali da essere immediatamente riconoscibili sullo scaffale, distanziandosi dai canoni che accomunano la comunicazione di brand competitor.

    I prodotti That’s Love trovano spazio in una struttura portante in PVC trasparente. L’interno è invece identificato da un cartoncino a sfondo nero con una texture di cuori That’s Love in grigio. La struttura, oltre a presentare un elegante ton sur ton, è così facilmente separabile in due elementi e quindi smaltibile.

    Ai prodotti è invece dedicato un esclusivo packaging, con svariate declinazioni di fantasie derivate dal mondo del fashion. La vestizione aumenta così l’uniformità d’impatto comunicativo della linea That’s Love.

  • Inspiring Stories H2H

    Intervista ELITE a Paolo Romiti, Presidente e Amministratore Delegato di H2H, azienda leader nei servizi di marketing e comunicazione a 360.

    Cosa significa per te “imprenditorialità”?

    Dare un’univoca definizione di “imprenditorialità”, attualmente, è un gioco complesso. H2H è un’azienda che ogni giorno è chiamata a confrontarsi con un mercato (quello della comunicazione) in constante evoluzione, dove le nuove tecnologie ridisegnano liquidamente i confini dell’industria 4.0 e del panorama globale.
    Ecco perché la mia esperienza mi ha insegnato che essere imprenditori significa sfruttare al meglio le proprie skill in ogni sfida, per garantire performance al più alto tasso di qualità. In primis, è fondamentale essere propositivi: non si può rinunciare ad anticipare le necessità delle persone e le diverse domande del mercato di riferimento.
    Un’azienda desiderosa di emergere deve oggi saper essere client obsessed, garantendo ai suoi interlocutori performance in grado di rispondere ai loro bisogni, prima ancora che essi si presentino.
    Sinergia con gli stakeholder, integrità, trasparenza e rigore: questi sono solo alcuni degli ingredienti principali che costituiscono la base dell’anima result-oriented dei team H2H.

    Quali sono i valori che distinguono H2H nell’approccio alle PMI?

    Nel corso degli anni abbiamo avuto la fortuna di lavorare con realtà del calibro di Mondadori, Mercedes-Benz, Sony o Enel (giusto per fare qualche esempio…). Eppure, H2H ha da sempre considerato le PMI come possibili e stimolanti interlocutori a cui rivolgersi. Data la loro conformazione strutturale (meno complessa rispetto a grandi realtà del mercato), con le PMI possiamo dar spazio alle nostre abilità di consulenza e strategy ancora più efficacemente.
    Mettersi in gioco con una PMI equivale, per noi, a supportarla nel comunicare e raccontare il suo brand in un mondo che si evolve a velocità frenetiche: ovviamente, mirando a ottenere performance di assoluto livello (lo ribadisco: H2H è result-oriented di natura).
    Siamo convinti che ogni PMI rappresenti un caso specifico, un’opportunità per un viaggio esperienziale da percorrere insieme. Come agenzia di comunicazione, offriamo ai nostri customer molto più che idee o suggestioni: il nostro obiettivo è fare la differenza sul metodo e sull’approccio al lavoro, ottimizzandoli in funzione di risultati e sostanziali cambiamenti di trend.
    Nell’ambito PMI, il nostro essere client obsessed si traduce in quattro core value, che riassumiamo sotto le voci: “design ideas for business”, “succeed together”, “simplicity” e “trust and consistency”.
    Ognuno di questi pillar è poi coniugato e assorbito nelle nostre attività di content strategy, data driven creativity e digital adv performance. Da tutto ciò passa la nostra offerta di progetti diretti ed efficaci, elaborati attraverso un dialogo sempre aperto con i nostri clienti.

    Quali sono i momenti in cui le aziende beneficiano maggiormente del vostro supporto (cambiamenti aziendali, lancio di nuovi prodotti/servizi, …)? E quali sono le maggiori resistenze e le difficoltà più comuni che incontrate?

    H2H si pone verso il mercato come primario punto di riferimento in Italia per comunicare il proprio brand con una nuova efficacia prestazionale. Siamo orgogliosi di essere considerati una realtà di assoluto valore e prestigio nella nostra industry. Ciò ci permette di gestire, a livello di comunicazione, ogni momento dell’evoluzione di un’azienda con estrema efficacia.
    Sappiamo sfruttare al meglio ogni nostro asset per affiancare i nostri clienti nell’ideazione e nella gestione di campagne di marketing e comunicazione online e offline, in un’ottica di digital transformation basata su convergenza e performance, nell’implementazione di strategie di lancio e di riposizionamento dei brand, nella realizzazione di contenuti branded e unbranded, nella gestione evoluta delle property digitali (dai siti ai social) e dei materiali e dei contenuti destinati all’universo retail.

    Abbiamo conseguito sorprendenti risultati anche in eterogenee campagne dedicate a start-up appartenenti ai settori più diversi, pronte ad approdare per la prima volta sul mercato. Essere multitasking e riuscire ad adattarci in ogni situazione sono infatti skill su cui non siamo mai scesi a compromessi.
    Le maggiori resistenze che spesso incontriamo sono però legate all’inerzia organizzativa che caratterizza alcuni clienti. In questi casi, siamo chiamati a fare i conti con abitudini consolidate, a volte ancora più potenti della sincera voglia di cambiamento espressa dagli stessi clienti.
    Ed è proprio in tali contesti che l’indole result-oriented di H2H performa al meglio, diretta conseguenza della nostra convinzione nel data driven marketing e nella content strategy. Il nostro approccio strategico olistico favorisce così il passaggio da un modello di storytelling a un sistema di storydoing.
    Basta poco tempo o qualche brief di condivisione, tuttavia, per far percepire al cliente il peso specifico delle nostre competenze e delle nostre best practice per individuare soluzioni fondate su elementi concreti, analitici e misurabili.
    Noi non ci reputiamo client obsessed. Noi siamo client obsessed!

    Perché ELITE è un network distintivo di cui far parte?

    Rispondere a questa domanda è molto più semplice di quanto si possa credere. ELITE, come H2H, fonda il proprio prestigio sui risultati che sa ogni volta ottenere, scommettendo sui valori dell’ispirazione, dell’innovazione e dell’eccellenza: con questi presupposti, ha preso forma una community globale, che permette a società di ben 33 Paesi di accedere a un network esclusivo per avere un impatto economico maggiore sul mercato.
    In questo senso, H2H e ELITE hanno metodi di approccio ai propri interlocutori davvero simili, sotto diversi punti di vista. Il cliente viene accompagnato in un percorso ambizioso, finalizzato all’espressione massima del suo potenziale: il cambiamento passa quindi dalla declinazione di idee in strategie e plan di azione orientati verso la performance.
    Far parte del network ELITE permette, anche a H2H, di entrare in contatto con imprenditori, investitori, enti di ogni genere. Ma, soprattutto, permette di accedere a un ecosistema in cui la crescita e l’eccellenza sono dirette conseguenze di princìpi come proattività, trasparenza e partnership.
    Ecco perché H2H si rispecchia nitidamente in ELITE e nelle aziende che ne fanno parte. Proprio come recita il payoff della nostra agenzia, anche il network di ELITE è un luogo dove le idee più affascinanti e rivoluzionarie incontrano la realtà. Sì, ELITE è un luogo “where things happen”.
    E H2H è orgogliosa di poter esserne protagonista.

  • #LaFolgore, H2H presenta il nuovo format web e tv per S.S. Folgore Calcio

    Un format unico nel suo genere, capace di esaltare e raccontare tutti i sacrifici, i momenti di gioia e le sconfitte di una squadra dilettantistica di calciatori verso il traguardo più prestigioso: accedere alle massime competizioni europee (UEFA Champions League o UEFA Europa League). Questo è l’obiettivo di H2H nei confronti del nuovo progetto rivolto a S.S. Folgore Calcio, team attualmente impegnato nella massima serie di San Marino.

    In qualità di media partner ufficiale della squadra, H2H (con il supporto della società partecipata Voodoo, responsabile della produzione multimediale) ha presentato l’inedito format #LaFolgore durante la conferenza stampa svoltasi presso la Villa Reale di Monza, domenica 13 ottobre 2019. Oltre ai giocatori della squadra, in platea erano presenti il Presidente della S.S. Folgore Calcio Mauro Duca, il Vice-Presidente Renato Capellini e tutto lo staff dirigenziale sanmarinese. All’evento ha partecipato anche l’ospite d’eccezione Vincenzo Iacopino, ex calciatore di Serie A e attuale SLO (Supporter Liaison Officer) dell’A.C. Monza.

    H2H ha mostrato al pubblico i dettagli del progetto che vedrà coinvolta la S.S. Folgore Calcio nella realizzazione di una docu-serie in 12 puntate. Le riprese saranno effettuate nei prossimi mesi da registi di spessore nazionale e internazionale, per confezionare un prodotto da pubblicare via web e tv (oltre che sui social media, con una campagna ad hoc in cui i giocatori del team interagiranno e saranno in parte protagonisti attraverso i propri profili).

    Lo storytelling sarà sviluppato attorno alle vicende sportive e private dei componenti della squadra: le telecamere riprenderanno ogni fase della stagione sportiva (dagli allenamenti alle partite), senza dimenticare però di evidenziare gli aspetti psicologici e le storie personali dei protagonisti, che si intrecciano alle performance calcistiche. I dirigenti della S.S. Folgore Calcio, insieme a Iacopino, hanno sottolineato la grande responsabilità dei giocatori della squadra nei confronti degli spettatori più giovani: serietà, rispetto, educazione e un adeguato comportamento in ogni contesto saranno ingredienti fondamentali per veicolare un messaggio di sport (e non solo) costruttivo per i ragazzi davanti lo schermo.

    Dopo l’emozionante visione in anteprima del teaser, Mauro Duca ha infine voluto commentare: “Si tratta di un’incredibile occasione per noi. Avremo la possibilità di alzare l’asticella, per crescere come società e far capire al pubblico quanto i nostri giocatori siano dilettanti solo sulla carta. Sarà una grande avventura, che metterà in risalto il territorio di San Marino, il prestigio del nostro club e i sacrifici che i nostri ragazzi compiono quotidianamente per raggiungere le migliori performance in campo”.

    Il primo ciak delle riprese della docu-serie #LaFolgore è previsto per novembre 2019. La distribuzione televisiva e online avrà invece inizio da gennaio 2020.

    Per maggiori informazioni:

    External Communication & Media Relations

    Monica Magnoni: 39 388 7827769

    email: monica.magnoni@h2h.net

  • Luxe Pack Monaco 2019: H2H presente con il progetto dedicato a Mercedes-Benz Oil

    Dopo il successo ottenuto durante lo scorso vernissage di Brand Revolution LAB 2019, H2H è stata selezionata per esporre il progetto “Il primo olio che merita una Stella” a Luxe Pack Monaco 2019. Un riconoscimento di assoluto prestigio, se si considera che sono stati riservati solo quattro posti per le agenzie italiane che avevano partecipato al creative show di Stratego Group.

    Anche al Grimaldi Forum, H2H presenta dunque il prototipo dedicato a Mercedes-Benz Oil: questo superlativo olio motore riassume in sé tutti i core value del Customer Service della Stella, dove un top brand dell’automotive sa distinguersi e fare la differenza nei confronti dei propri clienti.

    Alla fiera internazionale monegasca (dove sono presenti altri 470 espositori, scelti tra i migliori esperti globali), Mercedes-Benz Oil è nuovamente celebrato nell’esclusiva bottiglia con stampa digitale 3D e tecnologia O-I Expression su vetro. Oltre alla personalizzazione con dato variabile in rilievo, l’elegante contenitore presenta l’impronta iconica della mano di un meccanico specializzato: una firma che richiama l’ambiente delle officine Mercedes-Benz, dove competenza e best practice permettono di raggiungere i più alti tassi di customer satisfaction nel settore.

    La proposta creativa di H2H è completata dal cofanetto limited edition. Il rivestimento in carta leatherlike classic black è impreziosito dalla chiusura a calamita con il logo di Mercedes-Benz, realizzata grazie a un affascinante foil argento con effetto 3D. A tutto questo si aggiunge la tecnologia Stealth Code applicata sul prodotto: grazie a un invisibile codice univoco (leggibile tramite un’app ad hoc), è perciò possibile atterrare a una landing page dove apprezzare tutte le curiosità e le skill di Mercedes-Benz Oil.

    Tra i partner di H2H per la realizzazione del prototipo, trovano spazio aziende del calibro di O-I, Gruppo Cordecons, Nava Press, Luxoro e BeeGraphic.

     

    Credits:

    Art Director: Massimo Allegri

    Copywriter: Luca De Marchi

    Client Director: Roberto Davolio

    Project Manager: Monica Magnoni

    Per maggiori informazioni:

    External Communication & Media Relations

    Monica Magnoni:
    T. +39 388 7827769
    email: monica.magnoni@h2h.net

  • DMA Awards Italia 2019: il Growth Hacking secondo Bifulco

    Promettevano di essere “more than a party”. E, senza ombra di dubbio, hanno mantenuto la promessa. L’edizione 2019 dei DMA Awards Italia (lo scorso 4 luglio al Vodafone Theatre di Milano) ha portato l’asticella del tradizionale evento decisamente più in alto rispetto agli scorsi anni.

    Parte del merito va attribuito anche ai contenuti proposti dagli esclusivi relatori d’eccezione, saliti sul palco prima della Cerimonia di Premiazione. Tra i protagonisti degli interventi pomeridiani, il Director di Startup Grind Andrea Roberto Bifulco ha catturato la platea con un discorso sul Growth Hacking.

    Con la presentazione “Growth Hacking is the new black”, Bifulco ha definito i tratti fondamentali di una disciplina che permette di capire come accelerare la crescita di un business in maniera sostenibile, attraverso rapidi esperimenti sul marketing e sulla definizione del prodotto.

    Nato in Silicon Valley una decina di anni fa e applicato da colossi come Facebook, Dropbox, Instagram e altri, negli ultimi anni questo filone di studi è letteralmente esploso ed è stato adottato da aziende di ogni tipo: da Coca-Cola a IBM, passando per Heineken, Colgate e Transavia. Alla base della metodologia del Growth Hacking vi sono il pensiero laterale, la creatività, la sperimentazione, l’analisi dei dati e la continua interazione di strategie e modelli di business.

    Il discorso del Director di Startup Grind ha quindi esaltato il Gorwth Hacking come il punto d’unione tra sviluppo del prodotto, marketing digitale e data-driven marketing. La giovane teoria può essere applicata in ogni ambito societario: dal Customer Service all’area Operations, dal Risk Management al Complaints handling, fino al Regulated advice & sales.

    Con l’obiettivo di costruire un Growth Engine in ogni azienda, il Gorwth Hacking trova fondamento nella modalità empirica (con una costante ricerca del “beta mode”) e nel totale rispetto del processo teorizzato.

    Su quest’ultimo aspetto, Bifulco ha portato ad esempio la genesi e la crescita di Netflix, seguendo le fasi del funnel classico del Growth Hacking:

    • Awareness: come il tuo brand ottiene visibilità.
    • Acquisition: come gli utenti possono entrare in contatto con te. I canali usati più spesso sono SEO, SEM, SMM, social advertising, content, retargeting e digital PR.
    • Activation: se gli utenti hanno una buona prima esperienza con il brand, attraverso UX, onboarding, CRM e tutorial.
    • Retention: se gli utenti ritornano a visitare il brand, sfruttando email marketing, retargenting, push notification o product marketing.
    • Revenue: come aumentare i guadagni, prestando attenzione al chackout process.
    • Referral: se gli utenti condividono l’esperienza con il tuo brand, tramite referral marketing, meccanismi di sharing o app review.

    Ecco, in estrema sintesi, il mix di operazioni proposto dal Growth Hacking. Che la rivoluzione del data-driven marketing sia già arrivata? Andrea Roberto Bifulco ne sembrava convinto. E, dopo la sua presentazione, anche i presenti in sala avevano pochi dubbi a proposito.

  • DMA AWARDS ITALIA 2019: MORE THAN A PARTY!

    Si è conclusa la settima edizione dei DMA AWARDS ITALIA, la prestigiosa competizione promossa da DMA Italia (Data & Marketing Association) che ha premiato le migliori campagne di marketing data-driven. La Cerimonia di Premiazione si è tenuta lo scorso 4 luglio, nella stupenda cornice del Vodafone Theatre di Milano.

    L’edizione di quest’anno è stata arricchita da un pomeriggio contenuti in cui si sono alternati sul palco relatori d’eccezione.

    In questo articolo il racconto di come si è svolta la giornata.

  • H2H lancia la campagna retention per Mercedes-Benz Italia

    La campagna di comunicazione realizzata da H2H ha come obiettivo quello di attrarre i Clienti possessori di auto Mercedes e smart presso la Rete ufficiale dei Service con la Stella

    Un tono ironico ed irriverente. Un progetto curato nei minimi dettagli concedendo al cliente la dovuta libertà.

    Un’idea ambiziosa, immediatamente premiata elevandola da una dimensione locale a quella nazionale. La campagna retention di H2H per Mercedes-Benz Italia è partita da presupposti comuni a tutti noi che guidiamo auto per ridefinire la vision del mondo Service di Mercedes e smart. Lo scopo è quello di avvicinare i Clienti ai Service ufficiali della Stella per tutte le attività legate all’universo del post-vendita, basandosi sul rapporto di fiducia.

    I media scelti da H2H per veicolare l’offerta prevedono, sul fronte digital, il programmatic, il retargeting e iniziative social, e su quello offline la stampa locale e vari formati Out of Home.
    A livello creativo, la campagna è una multisoggetto che presenta diverse situazioni di ordinaria amministrazione in cui i possessori di Mercedes o smart non nuovissime potrebbero ritrovarsi, riproponendo diverse esigenze per cui è necessario recarsi presso un’officina. Il tone of voice è molto diretto e informale, con una buona dose di irriverenza volta a far sì che il Cliente si possa immedesimare nelle diverse situazioni realistiche, in un’ottica di vicinanza con il brand.

    La campagna, i cui KPI saranno monitorati dal Marketing del Customer Services di Mercedes-Benz Italia su una dashboard dedicata, ha come obiettivo un aumento di oltre il 5% della retention rispetto allo scorso anno.

    “Siamo orgogliosi di avere ideato e gestito un progetto di questa entità. La
    campagna affidataci dal cliente ha avuto un effetto molto stimolante per noi e
    segna l’ulteriore consolidamento della collaborazione tra la nostra agenzia e
    Mercedes-Benz Italia” commenta Paolo Romiti, Presidente e Ceo di H2H
    all’annuncio della campagna guidata dalla sua agenzia.

  • DMA AWARDS ITALIA: ECCO I VINCITORI DELLA SETTIMA EDIZIONE

    Si è conclusa la settima edizione dei DMA AWARDS ITALIA, la prestigiosa competizione promossa da DMA Italia (Data & Marketing Association) che ha premiato le migliori campagne di marketing data-driven. La Cerimonia di Premiazione si è tenuta ieri sera a Milano, nella stupenda cornice del Vodafone Theatre di Milano.

    DMA AWARDS ITALIA è l’unico premio in Italia che, oltre a creatività e strategia, premia la capacità di raccogliere, usare e interpretare i dati. Le rilevazione vengono poi studiate attraverso strumenti come Marketing Database, DMP e Business Intelligence per conoscere i consumatori, comprenderli e costruire per loro rilevanza e engagement.

    Il premio è realizzato in Italia da DMA Italia (www.dmaitalia.it), l’associazione che promuove e incoraggia la creazione di programmi di formazione per il mercato sui temi del marketing e della comunicazione, legati all’utilizzo dei dati (data driven marketing).

    La Cerimonia è stata aperta da Polo Romiti, Presidente dell’Associazione. Affiancato dagli altri componenti del Direttivo, Fabrizio Vigo (Vice-Presidente), Federico Tornielli, Marco Rosso, Sergio Pilu e Enrico Barboglio. Romiti ha spiegato: “L’obiettivo di DMA Italia è essere il punto d’incontro unico delle realtà che fondano le loro strategie di sviluppo sulla centralità del dato. Solo ora in Italia si sta imparando a strutturare e regolamentare l’uso cosciente dei dati nel marketing. Noi di DMA Italia, “ha proseguito il Presidente dell’associazione”, siamo chiamati a facilitare e supportare questo percorso: solo avendo responsabilità nel modo in cui si fa comunicazione e ponendo gli utenti al centro delle nostre strategie, potremmo ottenere credibilità. Quest’anno DMA Italia parteciperà poi come attore protagonista alla stesura del Codice di Condotta che il Garante Europeo pubblicherà nei primi mesi del 2020 e attraverso cui DMA Italia avrà il ruolo di Auditor”.

    Un risultato di assoluto prestigio, anche se (citando ancora le parole di Paolo Romiti) “la strada è ancora molto lunga, ma la sfida è avvincente”.

    In questa edizione, inoltre, il format della Premiazione è cambiato.

    La Cerimonia è stata preceduta da un pomeriggio ricco di contenuti, durante il quale professionisti del marketing in aziende di varie industry hanno raccontato come in quest’ultimo decennio hanno affrontato la sfida della progressiva digitalizzazione dell’esperienza cliente con i brand.

    Sul palco si sono avvicendati:

    • Andrea Roberto Bifulco di Startup Grind, che ha trattato di Growth Hacking per accelerare la crescita di un business in maniera sostenibile;
    • Denis Balbo di Naos, con un approfondimento su Open Innovation e Data Utilisation;
    • Fabio Borney di FCA, che ha preso in esame i vantaggi del data marketing per il mercato dell’automotive;
    • Enrico Plateo di WeChat, con un affondo sul sistema digitale cinese;
    • Fabio Carsenzuola di Europ Assistance Italia, che ha delineato i nuovi strumenti digitali per l’assistenza al consumatore;
    • Antonio Fratta Pasini di CheBanca!, che ha definito le prospettive che può avere la PSD2 nel business model bancario.

    Dai loro interventi è emerso che informazioni, dati e creatività devono trovare, dentro e fuori l’azienda, il giusto mix per generare esperienze di valore per i consumatori.

    Si è poi tenuta la tradizionale festa Let’s Party the Results, quest’anno con la partecipazione straordinaria de Lo Stato Sociale.

    Di seguito tutti i vincitori dei DMA AWARDS ITALIA 2019

    Consumer Products and Services

    DMA Award Argento

    Campagna Wako’s Challenge

    Agenzia: A-Tono

    Cliente: San Carlo Unichips

     

    Business Products and Services

    DMA Award Oro

    Campagna: Mind Portraita

    Agenzia: The Embassy

    Cliente: The Embassy

     

    Not For Profit

    DMA Award Bronzo

    Campagna: Prima l’italiano

    Agenzia: A-Tono

    Cliente: NoWalls

     

    DMA Award Argento

    Campagna: L’involontario

    Agenzia: Conversion

    Cliente: Officine Buone

     

    Pharmaceutical And Healthcare

    DMA Award Argento

    Campagna: Un’esperienza multi-player oltre la loyalty

    Agenzia: DM Group

    Cliente: Darphin

     

    Automotive

    DMA Award Bronzo

    Campagna: Storie di guida vera

    Agenzia: Cernuto Pizzigoni & Partners

    Cliente: Subaru Italia

     

    DMA Award Argento

    Campagna: DDA – Dealer Digital Advertising

    Agenzia: Like Reply

    Cliente: FCA

     

    Premio Speciale Best Use of SOCIAL MEDIA

    Campagna: Wako’s Challenge

    Agenzia: A-Tono

    Cliente: San Carlo Unichips

     

    Premio Speciale Search&Display

    Campagna: DDA – Dealer Digital Advertising

    Agenzia: Like Reply

    Cliente: FCA

  • H2H riconfermata agenzia partner di Akzo Nobel per tutte le attività di comunicazione

    Una copertura a 360° seguita interamente

    dall’agenzia H2H al servizio di Akzo Nobel

    H2H è stata riconfermata nella gestione dell’intera comunicazione di Akzo Nobel, azienda leader a livello internazionale nel settore delle vernici. Un rapporto lavorativo e di crescita per entrambe le realtà che dura dal 2012 e ha visto le due aziende impegnate insieme in sfide molto importanti.

    Dal 2015 Akzo Nobel ha deciso di aprire la sua comunicazione dal mondo B2B a quello B2C, rivolgendosi direttamente ai consumer per costruire l’awareness del marchio Sikkens.

    H2H ha seguito questo processo per quanto riguarda la Comunicazione sui vari mezzi, la realizzazione di materiali ATL e BTL, la gestione dei social network e la realizzazione dei materiali in punto vendita.

    Anche quest’anno Sikkens torna in Tv e nelle case degli italiani con il nuovo spot Alpha Rezisto. Il primo flight di campagna, partito il 19 maggio, terminerà a metà luglio e ha visto Sikkens protagonista sulle diverse emittenti nazionali in prime time.

    H2H ha seguito la localizzazione dello spot con la creazione del nuovo claim “Gli perdoni anche questa”, legato al divertente tema della storia che vede come protagonista un cane, un bellissimo esemplare di Bobtail.

    Per quanto riguarda la parte social, durante il 2018 Sikkens ha confermato e migliorato il suo posizionamento online rispetto ai competitor, sia a livello di visibilità del brand che di engagement e coinvolgimento.

    La community è diventata ancora più consistente e partecipativa sui canali social; in particolare il 2018 ha visto l’ascesa dell’account Instagram di Sikkens, che ha registrato una crescita costante e un livello di interazione elevato. Per il 2019 H2H ha messo in atto una nuova strategia social per incrementare la visibilità del brand e avvicinarlo sempre di più al pubblico consumer, incentivando il dialogo brand – community.

    “La collaborazione con H2H in questi anni ha permesso all’ azienda e ai nostri marchi di fare un importante passo avanti nel modo di comunicare e di presentare le novità ai nostri client, aiutandoci ad aumentare la quota di mercato, oltre che essere presi come esempio di “eccellenza” nel nostro settore. Negli anni H2H ha gestito per noi con successo e proattività la parte del programma fedeltà Sikkens4YOU, la nostra piattaforma digital e tutta la parte creativa per la realizzazione sia delle attività BTL che ATL” ha dichiarato Roberto Meregalli, Responsabile Marketing Akzonobel.

  • H2H porta Mercedes-Benz Oil al Brand Revolution LAB

    L’olio motore della Stella è al centro del progetto per il creative show della stampa innovativa, organizzato da Stratego Group con il patrocinio di DMA Italia.

    H2H protagonista di Brand Revolution LAB 2019 insieme a Mercedes-Benz Italia con un prototipo in edizione limitata per celebrare i core values dell’azienda di Stoccarda.

    All’interno del creative show di Stratego Group, ogni anno le maggiori agenzie di comunicazione italiane si mettono alla prova in collaborazione con stampatori, fornitori di tecnologie e brand. L’obiettivo è portare a termine il progetto di comunicazione stampata che sappia maggiormente esplorare l’avanguardia e le più recenti innovazioni del settore.

    Per questa edizione di Brand Revolution Lab, H2H ha scelto come azienda partner Mercedes-Benz. Al centro della proposta creativa è stato posto Mercedes-Benz Oil, l’olio motore che supera ogni requisito qualitativo standard in termini di efficienza e performance. Il prodotto è stato esaltato in quanto simbolo del mondo del Customer Service della Stella, dove un top brand dell’automotive può davvero fare la differenza nei confronti dei propri clienti.

    Per Brand Revolution LAB 2019, Mercedes-Benz Oil è celebrato attraverso un’esclusiva bottiglia con stampa in tecnologia 3D su vetro e personalizzazione tramite dato variabile.

    H2H ha voluto nobilitare Mercedes-Benz Oil, simbolo del mondo dei prodotti e dei servizi rivolti al cliente e della qualità dell’universo dei Mercedes-Benz Service.

    Sulla bottiglia, attraverso l’impronta iconica della mano di un meccanico specializzato, è stata impressa una traccia che richiama l’ambiente delle officine della Stella.

    Proprio lì dove un vero top brand dell’automotive è in grado di fare la differenza e assicurare i più alti livelli di efficienza. Proprio lì, dove i clienti entrano davvero in contatto con il cuore pulsante di Mercedes-Benz.

    La bottiglia è inserita nell’elegante cofanetto rivestito con carta leatherlike, chiuso dalla calamita in effetto 3D con logo Mercedes-Benz.

    Al cofanetto è stata poi applicata la tecnologia StealthCode: un codice univoco che, letto tramite l’apposita app mobile, porta l’utente alla sezione del sito Mercedes-Benz dedicata all’olio motore.

    Partners del progetto per la realizzazione del prototipo in edizione limitata: O-I, Gruppo Cordecons, Nava Press, Luxoro e BeeGraphic.

    Il vernissage di Brand Revolution LAB 2019, dove verranno presentati i progetti realizzati in questa edizione, si terrà oggi a Milano presso i Superstudio di Via Tortona con un evento strettamente a inviti.