H2H

Monthly Archives

luglio 2019
  • DMA Awards Italia 2019: il Growth Hacking secondo Bifulco

    Promettevano di essere “more than a party”. E, senza ombra di dubbio, hanno mantenuto la promessa. L’edizione 2019 dei DMA Awards Italia (lo scorso 4 luglio al Vodafone Theatre di Milano) ha portato l’asticella del tradizionale evento decisamente più in alto rispetto agli scorsi anni.

    Parte del merito va attribuito anche ai contenuti proposti dagli esclusivi relatori d’eccezione, saliti sul palco prima della Cerimonia di Premiazione. Tra i protagonisti degli interventi pomeridiani, il Director di Startup Grind Andrea Roberto Bifulco ha catturato la platea con un discorso sul Growth Hacking.

    Con la presentazione “Growth Hacking is the new black”, Bifulco ha definito i tratti fondamentali di una disciplina che permette di capire come accelerare la crescita di un business in maniera sostenibile, attraverso rapidi esperimenti sul marketing e sulla definizione del prodotto.

    Nato in Silicon Valley una decina di anni fa e applicato da colossi come Facebook, Dropbox, Instagram e altri, negli ultimi anni questo filone di studi è letteralmente esploso ed è stato adottato da aziende di ogni tipo: da Coca-Cola a IBM, passando per Heineken, Colgate e Transavia. Alla base della metodologia del Growth Hacking vi sono il pensiero laterale, la creatività, la sperimentazione, l’analisi dei dati e la continua interazione di strategie e modelli di business.

    Il discorso del Director di Startup Grind ha quindi esaltato il Gorwth Hacking come il punto d’unione tra sviluppo del prodotto, marketing digitale e data-driven marketing. La giovane teoria può essere applicata in ogni ambito societario: dal Customer Service all’area Operations, dal Risk Management al Complaints handling, fino al Regulated advice & sales.

    Con l’obiettivo di costruire un Growth Engine in ogni azienda, il Gorwth Hacking trova fondamento nella modalità empirica (con una costante ricerca del “beta mode”) e nel totale rispetto del processo teorizzato.

    Su quest’ultimo aspetto, Bifulco ha portato ad esempio la genesi e la crescita di Netflix, seguendo le fasi del funnel classico del Growth Hacking:

    • Awareness: come il tuo brand ottiene visibilità.
    • Acquisition: come gli utenti possono entrare in contatto con te. I canali usati più spesso sono SEO, SEM, SMM, social advertising, content, retargeting e digital PR.
    • Activation: se gli utenti hanno una buona prima esperienza con il brand, attraverso UX, onboarding, CRM e tutorial.
    • Retention: se gli utenti ritornano a visitare il brand, sfruttando email marketing, retargenting, push notification o product marketing.
    • Revenue: come aumentare i guadagni, prestando attenzione al chackout process.
    • Referral: se gli utenti condividono l’esperienza con il tuo brand, tramite referral marketing, meccanismi di sharing o app review.

    Ecco, in estrema sintesi, il mix di operazioni proposto dal Growth Hacking. Che la rivoluzione del data-driven marketing sia già arrivata? Andrea Roberto Bifulco ne sembrava convinto. E, dopo la sua presentazione, anche i presenti in sala avevano pochi dubbi a proposito.

  • DMA AWARDS ITALIA 2019: MORE THAN A PARTY!

    Si è conclusa la settima edizione dei DMA AWARDS ITALIA, la prestigiosa competizione promossa da DMA Italia (Data & Marketing Association) che ha premiato le migliori campagne di marketing data-driven. La Cerimonia di Premiazione si è tenuta lo scorso 4 luglio, nella stupenda cornice del Vodafone Theatre di Milano.

    L’edizione di quest’anno è stata arricchita da un pomeriggio contenuti in cui si sono alternati sul palco relatori d’eccezione.

    In questo articolo il racconto di come si è svolta la giornata.

  • H2H lancia la campagna retention per Mercedes-Benz Italia

    La campagna di comunicazione realizzata da H2H ha come obiettivo quello di attrarre i Clienti possessori di auto Mercedes e smart presso la Rete ufficiale dei Service con la Stella

    Un tono ironico ed irriverente. Un progetto curato nei minimi dettagli concedendo al cliente la dovuta libertà.

    Un’idea ambiziosa, immediatamente premiata elevandola da una dimensione locale a quella nazionale. La campagna retention di H2H per Mercedes-Benz Italia è partita da presupposti comuni a tutti noi che guidiamo auto per ridefinire la vision del mondo Service di Mercedes e smart. Lo scopo è quello di avvicinare i Clienti ai Service ufficiali della Stella per tutte le attività legate all’universo del post-vendita, basandosi sul rapporto di fiducia.

    I media scelti da H2H per veicolare l’offerta prevedono, sul fronte digital, il programmatic, il retargeting e iniziative social, e su quello offline la stampa locale e vari formati Out of Home.
    A livello creativo, la campagna è una multisoggetto che presenta diverse situazioni di ordinaria amministrazione in cui i possessori di Mercedes o smart non nuovissime potrebbero ritrovarsi, riproponendo diverse esigenze per cui è necessario recarsi presso un’officina. Il tone of voice è molto diretto e informale, con una buona dose di irriverenza volta a far sì che il Cliente si possa immedesimare nelle diverse situazioni realistiche, in un’ottica di vicinanza con il brand.

    La campagna, i cui KPI saranno monitorati dal Marketing del Customer Services di Mercedes-Benz Italia su una dashboard dedicata, ha come obiettivo un aumento di oltre il 5% della retention rispetto allo scorso anno.

    “Siamo orgogliosi di avere ideato e gestito un progetto di questa entità. La
    campagna affidataci dal cliente ha avuto un effetto molto stimolante per noi e
    segna l’ulteriore consolidamento della collaborazione tra la nostra agenzia e
    Mercedes-Benz Italia” commenta Paolo Romiti, Presidente e Ceo di H2H
    all’annuncio della campagna guidata dalla sua agenzia.

  • DMA AWARDS ITALIA: ECCO I VINCITORI DELLA SETTIMA EDIZIONE

    Si è conclusa la settima edizione dei DMA AWARDS ITALIA, la prestigiosa competizione promossa da DMA Italia (Data & Marketing Association) che ha premiato le migliori campagne di marketing data-driven. La Cerimonia di Premiazione si è tenuta ieri sera a Milano, nella stupenda cornice del Vodafone Theatre di Milano.

    DMA AWARDS ITALIA è l’unico premio in Italia che, oltre a creatività e strategia, premia la capacità di raccogliere, usare e interpretare i dati. Le rilevazione vengono poi studiate attraverso strumenti come Marketing Database, DMP e Business Intelligence per conoscere i consumatori, comprenderli e costruire per loro rilevanza e engagement.

    Il premio è realizzato in Italia da DMA Italia (www.dmaitalia.it), l’associazione che promuove e incoraggia la creazione di programmi di formazione per il mercato sui temi del marketing e della comunicazione, legati all’utilizzo dei dati (data driven marketing).

    La Cerimonia è stata aperta da Polo Romiti, Presidente dell’Associazione. Affiancato dagli altri componenti del Direttivo, Fabrizio Vigo (Vice-Presidente), Federico Tornielli, Marco Rosso, Sergio Pilu e Enrico Barboglio. Romiti ha spiegato: “L’obiettivo di DMA Italia è essere il punto d’incontro unico delle realtà che fondano le loro strategie di sviluppo sulla centralità del dato. Solo ora in Italia si sta imparando a strutturare e regolamentare l’uso cosciente dei dati nel marketing. Noi di DMA Italia, “ha proseguito il Presidente dell’associazione”, siamo chiamati a facilitare e supportare questo percorso: solo avendo responsabilità nel modo in cui si fa comunicazione e ponendo gli utenti al centro delle nostre strategie, potremmo ottenere credibilità. Quest’anno DMA Italia parteciperà poi come attore protagonista alla stesura del Codice di Condotta che il Garante Europeo pubblicherà nei primi mesi del 2020 e attraverso cui DMA Italia avrà il ruolo di Auditor”.

    Un risultato di assoluto prestigio, anche se (citando ancora le parole di Paolo Romiti) “la strada è ancora molto lunga, ma la sfida è avvincente”.

    In questa edizione, inoltre, il format della Premiazione è cambiato.

    La Cerimonia è stata preceduta da un pomeriggio ricco di contenuti, durante il quale professionisti del marketing in aziende di varie industry hanno raccontato come in quest’ultimo decennio hanno affrontato la sfida della progressiva digitalizzazione dell’esperienza cliente con i brand.

    Sul palco si sono avvicendati:

    • Andrea Roberto Bifulco di Startup Grind, che ha trattato di Growth Hacking per accelerare la crescita di un business in maniera sostenibile;
    • Denis Balbo di Naos, con un approfondimento su Open Innovation e Data Utilisation;
    • Fabio Borney di FCA, che ha preso in esame i vantaggi del data marketing per il mercato dell’automotive;
    • Enrico Plateo di WeChat, con un affondo sul sistema digitale cinese;
    • Fabio Carsenzuola di Europ Assistance Italia, che ha delineato i nuovi strumenti digitali per l’assistenza al consumatore;
    • Antonio Fratta Pasini di CheBanca!, che ha definito le prospettive che può avere la PSD2 nel business model bancario.

    Dai loro interventi è emerso che informazioni, dati e creatività devono trovare, dentro e fuori l’azienda, il giusto mix per generare esperienze di valore per i consumatori.

    Si è poi tenuta la tradizionale festa Let’s Party the Results, quest’anno con la partecipazione straordinaria de Lo Stato Sociale.

    Di seguito tutti i vincitori dei DMA AWARDS ITALIA 2019

    Consumer Products and Services

    DMA Award Argento

    Campagna Wako’s Challenge

    Agenzia: A-Tono

    Cliente: San Carlo Unichips

     

    Business Products and Services

    DMA Award Oro

    Campagna: Mind Portraita

    Agenzia: The Embassy

    Cliente: The Embassy

     

    Not For Profit

    DMA Award Bronzo

    Campagna: Prima l’italiano

    Agenzia: A-Tono

    Cliente: NoWalls

     

    DMA Award Argento

    Campagna: L’involontario

    Agenzia: Conversion

    Cliente: Officine Buone

     

    Pharmaceutical And Healthcare

    DMA Award Argento

    Campagna: Un’esperienza multi-player oltre la loyalty

    Agenzia: DM Group

    Cliente: Darphin

     

    Automotive

    DMA Award Bronzo

    Campagna: Storie di guida vera

    Agenzia: Cernuto Pizzigoni & Partners

    Cliente: Subaru Italia

     

    DMA Award Argento

    Campagna: DDA – Dealer Digital Advertising

    Agenzia: Like Reply

    Cliente: FCA

     

    Premio Speciale Best Use of SOCIAL MEDIA

    Campagna: Wako’s Challenge

    Agenzia: A-Tono

    Cliente: San Carlo Unichips

     

    Premio Speciale Search&Display

    Campagna: DDA – Dealer Digital Advertising

    Agenzia: Like Reply

    Cliente: FCA

  • H2H riconfermata agenzia partner di Akzo Nobel per tutte le attività di comunicazione

    Una copertura a 360° seguita interamente

    dall’agenzia H2H al servizio di Akzo Nobel

    H2H è stata riconfermata nella gestione dell’intera comunicazione di Akzo Nobel, azienda leader a livello internazionale nel settore delle vernici. Un rapporto lavorativo e di crescita per entrambe le realtà che dura dal 2012 e ha visto le due aziende impegnate insieme in sfide molto importanti.

    Dal 2015 Akzo Nobel ha deciso di aprire la sua comunicazione dal mondo B2B a quello B2C, rivolgendosi direttamente ai consumer per costruire l’awareness del marchio Sikkens.

    H2H ha seguito questo processo per quanto riguarda la Comunicazione sui vari mezzi, la realizzazione di materiali ATL e BTL, la gestione dei social network e la realizzazione dei materiali in punto vendita.

    Anche quest’anno Sikkens torna in Tv e nelle case degli italiani con il nuovo spot Alpha Rezisto. Il primo flight di campagna, partito il 19 maggio, terminerà a metà luglio e ha visto Sikkens protagonista sulle diverse emittenti nazionali in prime time.

    H2H ha seguito la localizzazione dello spot con la creazione del nuovo claim “Gli perdoni anche questa”, legato al divertente tema della storia che vede come protagonista un cane, un bellissimo esemplare di Bobtail.

    Per quanto riguarda la parte social, durante il 2018 Sikkens ha confermato e migliorato il suo posizionamento online rispetto ai competitor, sia a livello di visibilità del brand che di engagement e coinvolgimento.

    La community è diventata ancora più consistente e partecipativa sui canali social; in particolare il 2018 ha visto l’ascesa dell’account Instagram di Sikkens, che ha registrato una crescita costante e un livello di interazione elevato. Per il 2019 H2H ha messo in atto una nuova strategia social per incrementare la visibilità del brand e avvicinarlo sempre di più al pubblico consumer, incentivando il dialogo brand – community.

    “La collaborazione con H2H in questi anni ha permesso all’ azienda e ai nostri marchi di fare un importante passo avanti nel modo di comunicare e di presentare le novità ai nostri client, aiutandoci ad aumentare la quota di mercato, oltre che essere presi come esempio di “eccellenza” nel nostro settore. Negli anni H2H ha gestito per noi con successo e proattività la parte del programma fedeltà Sikkens4YOU, la nostra piattaforma digital e tutta la parte creativa per la realizzazione sia delle attività BTL che ATL” ha dichiarato Roberto Meregalli, Responsabile Marketing Akzonobel.